GIAMPAOLO MAJONCHI

Le ore del silenzio (come sempre del resto)

date » 05-05-2020 16:16

share » social

Siceramente invidio chi, in questo periodo, si sta prodigando a fare decine e decine di polaroid nel proprio ambiente domestico senza avere un vero e proprio progetto, nonostante se ne vedano di molto interessanti, in mezzo ad altri che invece denotano solo l'esigenza di riempire questo tempo.
Sarà che mi piange il cuore sprecare le pellicole (sono un accumulatore seriale) che però sono li ad invecchiare, per fotografare il vaso di fiori o l'angolo di casa.
Non sto criticando chi lo fa, anzi!
Questa cosa mi porta a una riflessione che conferma quanto io sia completamente avulso alla cretività, nonostante abbia una fervida immaginazione, che però non riesco a trasformare in immagini.
Nella mia vita avatar sarei stato senza dubbio un documentarista, avrei fatto reportage di viaggio, sociale, anche se non di guerra perchè non credo proprio ci sarei riuscito, nonostante tra i miei fotografi preferiti ci siano proprio chi ha documentato la guerra.
Credo di essere uno che vede molto, che coglie gli aspetti della vita quotidiana, e senza false modestie, credo anche, con il mio personalissimo stile, di riuscire a trasmettere questa cosa che però deve essere li, davanti a me, reale.
Non riesco a costruire una immagine, a fare dello still life, a vedere tra gli oggetti che ho davanti agli occhi una connessione che porti ad una foto, soprattutto con la polaroid.
Link
https://www.giampaolomajonchi.it/le_ore_del_silenzio_come_sempre_del_resto-d10594

Share link on
CLOSE
loading